Warning: Declaration of GW_GoPricing_Plugin_Installer_Skin::feedback($string) should be compatible with WP_Upgrader_Skin::feedback($string, ...$args) in /home/pronat49/public_html/wp-content/plugins/go_pricing/includes/core/class_plugin_installer_skin.php on line 0

Warning: session_start(): Cannot start session when headers already sent in /home/pronat49/public_html/wp-content/plugins/woo-piva-codice-fiscale-e-fattura-pdf-per-italia-pro/dot4all-wc-cf-piva.php on line 18

Warning: session_start(): Cannot start session when headers already sent in /home/pronat49/public_html/wp-content/themes/parallelus-vellum/extensions/contact-fields/inc/functions.php on line 3
Dieta o non dieta... questo è il problema! - Pronat Bars

Dieta o non dieta… questo è il problema!

Hai presente quando sai che hai accumulato alcuni kg di troppo ma l’idea di metterti a dieta ti fa venire i brividi? Oppure quando sei disposto ad allenarti come un matto più del solito pur di non rinunciare alle patatine fritte col ketchup? O ancora perdi grasso ovunque tranne che in quel punto e proprio non capisci come mai??

Ecco mi è capitata esattamente la stessa cosa.

Ho sane abitudini alimentari da anni, mangio di rado cibo spazzatura ma se mi viene voglia di un po’ di cioccolato fondente o di un buon bicchiere di vino, sticazzi, me lo mangio e me lo bevo, giusto?

Finché mi sono fatta una domanda diversa: ti alleni costantemente da anni, mangi piuttosto bene ecc com’è che il grasso addominale non si schioda? Com’è che da un mese a questa parte ti senti fiacca ed energicamente spompata?

Ho capito che mi sfuggiva qualcosa e ho deciso di rivolgermi ad un professionista, un nutrizionista in questo caso, per capire se ci fossero accorgimenti e abitudini da modificare per sentirmi più energica e capire cosa mi impedisse di perdere grasso e aumentare la massa muscolare in quell’area specifica.

I primi giorni ho fatto molta resistenza, ho seguito in modo molto talebano le indicazioni che ‘il prof’ mi ha dato (Alex Buldrini, per gli amici ‘Il prof’) ma ero infastidita e non capivo il perché.

Mi dicevo: hai scelto tu di metterti a dieta non te l’ha mica ordinato il dottore! Cosa rompi le palle? 

Non ti ha stravolto la vita, continui a mangiare molto di ciò che mangiavi anche prima, puoi continuare a mangiare le barrette che hai creato dato che sono una merenda bilanciata insieme d un frutto o una manciata di frutta secca, ti ha aggiunto anche un pasto in più rispetto a prima e non patisci la fame…

Cosa c’è che non va?!? E poi ho capito! Mi infastidiva non decidere per conto mio cosa poter mangiare e cosa no ma poi ho capito che anche in questo caso potevo scegliere di ragionare da un punto di vista diverso: ho deciso che voglio prendermi ancora più cura della mia salute (al di là dell’estetica la mia tendenza ad accumulare grasso in una specifica area è legata alla produzione di insulina e cortisolo e se presa sotto gamba può portare scompensi e patologie come il diabete andando avanti con l’età e quindi meglio prevenire che curare giusto?) e COMPRENDERE  cosa è meglio per me e cosa no, come mai nel mio caso è bene scegliere una colazione salata ed evitare il dolce, frutta a parte, ecc, ecc.

E ti dirò la verità mi sento anche un po’ tonta perché ci ho impiegato 37 anni per decidere di dedicare questa attenzione a me stessa.

Ognuno di noi è UNICO e non mi stancherò mai di ripeterlo, con caratteristiche diverse, abbiamo tutti ossa, muscoli, cervello (si lo so in certi casi non si direbbe 🙂 ) ma il modo in cui le meravigliose particelle di cui siamo composti interagiscono fra loro ha specifiche diverse per ognuno di noi.

E non con un senso di costrizione e pesantezza come è accaduto ad una mia cara amica che dopo un anno di dieta, con ottimi risultati, si ritrova ad avere la nausea al solo pensieri di seguire uno schema imposto. E’ capitato anche a te?

La prima cosa che puoi fare per andare oltre è porti domande diverse. Non chiederti cosa posso mangiare ecc, ma cosa posso fare per un mio maggiore benessere?

Per me la chiave  è stata maggiore energia ora e stato di salute e benessere a lungo termine.

Cosa voglio fare e sono disposta a fare per raggiungerlo?  Acquisire nuove semplici abitudini, per un tot di tempo in modo rigido e una volta raggiunto l’obiettivo con maggior flessibilità.

Spesso ci soffermiamo su una cosa ma ampliare il punto di vista da cui la guardiamo ci porta a comprendere molto di più e ottenere risultati con facilità e leggerezza.

Quindi cosa puoi fare? Rivolgiti ad un professionista che voglia aiutarti a comprenderti. Solo comprendendo come funzioniamo e il perché alcune cose vanno bene per noi oppure no porteremo dei cambiamenti consapevoli. SCELTI da noi nella nostra vita e allora ne saremo felici e li porteremo avanti con gioia e leggerezza.

Ma non è finita qui, siccome sono consapevole del fatto che per iniziare una dieta ci vuole una forza di volontà stratosferica, ho creato appositamente le barrette ProNat. Per aiutare le persona ad iniziare un cammino verso un’alimentazione sana e salutare.

Il primo passo da fare è quello di iniziare dai piccoli cambiamenti. Piccoli cambiamenti tipo sostituire con la focaccia pomeridiana con un frutto. Sostituire la brioche mattutina con un bell’estratto di frutta.

Se la mattina non hai tempo e il pomeriggio non hai voglia, allora portati sempre dietro una Barretta ProNat. La scelta ideale per affrontare la giornata in modo sano, naturale e per chiudere quel buco allo stomaco che, molto spesso, ci fa prendere pessime decisioni per riempirlo.

2 thoughts on “Dieta o non dieta… questo è il problema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *